Domande Frequenti

Cos’è l’ASI

L’A.S.I., Automotoclub Storico Italiano è una Federazione composta da 263 club federati (l’Old Motors è uno di questi) e 38 club aderenti, che riunisce oltre 200.000 appassionati di veicoli storici e rappresenta istituzionalmente il motorismo storico italiano presso tutti gli organismi nazionali ed internazionali competenti.

L’A.S.I. promuove la conservazione ed il recupero di qualsiasi veicolo a motore che abbia compiuto vent’anni (autoveicoli, motoveicoli, ciclomotori, veicoli militari, macchine agricole e industriali, veicoli commerciali, natanti e aeroplani), valorizzandone l’aspetto culturale.

I veicoli iscritti all’ASI usufruiscono di benefici fiscali e facilitazioni per la circolazione, che il Legislatore ha loro riconosciuto per la valenza storica e culturale che rappresentano. Molte compagnie assicurative riservano inoltre polizze agevolate ai veicoli che posseggono certificati rilasciati dall’Ente.

L’ASI fa parte della FIVA, Federation Internationale Vehicules Anciens, Organismo che si occupa a livello internazionale della tutela del motorismo storico ed è la associazione nazionale di riferimento (ANF) sul territorio italiano.

Per aderire all’A.S.I. è necessario essere iscritti ad uno dei club federati presenti su tutto il territorio nazionale (l’Old Motors Club D’Abruzzo è uno di questi).

Quali sono le certificazioni ASI e loro costi?

I soci dell’Old Motors Club D’Abruzzo in regola con la quota annuale associativa ricevono la rivista mensile ” La Manovella ” e possono richiedere all’ASI, attraverso il club, le seguenti certificazioni:

Attestato di storicità:

Costi: € 20,00 per le auto ed € 10,00 per le moto.

Documento contenente la datazione e gli estremi identificativi del veicolo che consente di ottenere il trattamento previsto dagli artt. 60 del Codice della Strada e 215 del suo regolamento, l’esenzione dal pagamento della tassa di possesso ai sensi dell’art. 5 del DL 30/12/82 convertito in legge 28/2/83 n. 53 e successive modifiche, nonché il particolare trattamento assicurativo (se richiesto dalle Compagnie di Assicurazione) e per le pratiche di sdoganamento.

Viene inoltre rilasciato ad probationem, ai sensi dell’art. 63 commi 2 e 3 della Legge 342/2000, a tutti i veicoli costruiti da oltre venti anni purché dotati di:

  • carrozzeria e/o telaistica conforme all’originale;
  • motore del tipo montato in origine dal costruttore o compatibile;
  • interni /selleria decorosi

Certificato di Rilevanza Storica e Collezionistica:

Questo nuovo documento ha sostituito il “certificato delle caratteristiche tecniche”. Viene richiesto, ai sensi del D.M. 17/12/2009, per l’immatricolazione in Italia di veicoli provenienti dall’estero, la reimmatricolazione di veicoli demoliti, di provenienza sconosciuta o radiati d’ufficio. Costi: € 105,00 per le auto ed € 60,00 per le moto.

Detto certificato è richiedibile anche contemporaneamente all’Attestato di Storicità, al fine di acquisire la qualifica di veicoli di interesse storico e collezionistico, e per la revisione periodica. Costi € 20,00 per le auto ed € 10,00 per le moto.

Certificato di Identità (omologazione ASI):

Costi: € 105,00 per le auto ed € 60,00 per le moto.

Documento di riconoscimento riguardante i veicoli costruiti da oltre venti anni, contenente la fotografia, la datazione, gli estremi identificativi, la descrizione dello stato di conservazione o dell’avvenuto restauro, la classificazione nonché l’annotazione delle eventuali difformità dallo stato d’origine riscontrate, secondo le norme del Codice Tecnico Internazionale FIVA vigente e, se necessario, la sintesi della storia del veicolo.

Viene concesso in uso al tesserato insieme ad una targa metallica corrispondente al documento.

Carta di identità FIVA: Costi:

€ 105,00 per le auto ed € 60,00 per le moto.

Documento di riconoscimento del veicolo contenente la fotografia, la datazione, gli estremi identificativi, la classificazione nonché l’annotazione delle eventuali difformità dallo stato d’origine riscontrate, secondo le norme del Codice Tecnico Internazionale FIVA vigente e, se necessario, la sintesi della storia del veicolo. Viene emesso ai sensi degli artt. 3 (Classifications Technique des vehicules) e 6 (Carte d’ldentite FIVA) del Codice Tecnico Internazionale vigente e concesso in uso al tesserato. Consente la partecipazione alle manifestazioni iscritte nel calendario internazionale FIVA e il particolare trattamento assicurativo. Non consente la partecipazione alle manifestazioni iscritte nel calendario nazionale ASI e non può essere rilasciato ai veicoli immatricolati nei paesi esteri. E’ valido dieci anni e deve essere rinnovato al momento dell’eventuale cambio di proprietà del veicolo. Viene rilasciato a tutti i veicoli che abbiano compiuto 25 anni dalla data di costruzione.

Quali veicoli si possono iscrivere all’ASI?

Sono iscrivibili all’ASI tutti i veicoli a motore (ciclomotori, motoveicoli, autovetture, autobus, autocarri, autotreni, macchine agricole, veicoli militari, aeromobili e natanti d’epoca) che abbiano compiuto vent’anni dalla data di costruzione o di prima immatricolazione in Italia.

Quali sono i vantaggi per auto e moto iscritte all’ASI?

Possibilità di pagamento del bollo ridotto per le auto che vanno da 20 a 30 anni (per l’Abruzzo la tassa di circolazione, dopo l’iscrizione all’ASI, sarà di € 31,24 per le auto ed di € 12,50 per le moto).

Possibilità di stipula di polizze assicurative a prezzi vantaggiosi.

Cosa devo fare se voglio reimmatricolare un veicolo storico?

E’ richiesto il Certificato di Rilevanza Storica e Collezionistica rilasciato dall’ASI ai sensi del D.M. 17/12/2009 (vedi sopra).

Quali agevolazioni ci sono sul passaggio di proprietà se il veicolo è iscritto all’ASI?

L’imposta provinciale di trascrizione per i veicoli di cui ai commi 1 e 2 dell’Art. 63/Legge 342/2000 è stata fissata in Euro 51.65 per le auto e in Euro 25.82 per le moto.

Per questa agevolazione viene richiesto l’Attestato di storicità rilasciato dall’ASI.

Se il mio veicolo è iscritto all’ASI, deve sottostare a limitazioni della circolazione?

Nel caso in cui le Amministrazioni locali (Comuni, Province e Regioni) varino dei provvedimenti di limitazione della circolazione senza una specifica deroga ai veicoli d’interesse storico, anche i veicoli iscritti all’ASI dovranno sottostare alle limitazioni.

Ogni quanti anni si revisiona un veicolo storico?

Ogni 2 anni, come stabilito dal nuovo Decreto Ministeriale e dalla nuova Circolare del Ministero dei Trasporti (scaricala qui)

Se il mio veicolo è iscritto all’ASI, ho l’obbligo dell’installazione delle cinture di sicurezza?

La circolare n. B53/2000/MOT, emanata dal Ministero dei trasporti e della navigazione conferma che “l’obbligo dell’installazione delle cinture di sicurezza ricorre, sia per i posti anteriori che per quelli posteriori, per tutti i veicoli della categoria M1 che, immatricolati a far data dal 15 giugno 1976, siano predisposti sin dall’origine con specifici punti di attacco.”

I veicoli immatricolati prima del 15 giugno 1976, invece, sono esentati dalla installazione delle cinture.

Stampa Email

  • Indirizzo: Via Vestina, 612
    65015 Montesilvano
  • Telefono: 085/4681055 - Ufficio
    085/4686030 - Fax